Storia di una Luigina

IMG_0725

Pugliese e geneticamente non modificata dalla sua decennale residenza abruzzese, La Luigina, donna di sinistra, avrebbe salvato questo paese se fosse rimasta militante di partito prima nell’Ulivo e dopo nel PD.

Ma la salentina, da un gruppo di amici stretti, anche chiamata Lulla, ha smesso da tempo i suoi stivaletti rossi, coi tacchi consumati dalle numerose manifestazioni alle quali costretto noi amiche a partecipare ai tempi dell’università, e con un perentorio “Ora basta” urlato al telefono tra Ginevra e l’Aquila, ha deciso che per l’Italia ci vorrebbe un miracolo della Madonna di Santa Maria di Leuca, alla quale lei ha acceso già fin troppe candele per poi vedersi rappresentata da Salvini.

Continue reading “Storia di una Luigina”

Ritorni e lasagne

lasagne 2

C’e’ voluto un anno perchè ritornassi al blog, e non mi pare che dall’anno scorso sia cambiato molto. Questa città, a volte, mi soffoca e l’unico modo per sfuggire al tedio è ritornare con il pensiero, le parole, i colori al passato. Alle amicizie che ho lasciato in Italia, a quelle che in Italia non ci stanno piu’ ma continuano a portarsela in giro in valigia. Alle serate interminabili sui pavimenti freschi di gres per sfuggire al caldo, le chiacchere caciare con un bicchiere in mano e la semplice voglia di stare assieme a discutere di massimi sistemi.

Continue reading “Ritorni e lasagne”

Amelia dreaming: Almond granita and crunchy zucchini flowers

hotel1

I have been away for a while but I have a good excuse. I turned (eek!) 40 a couple of days ago and the viking organized a week long – indian wedding style – celebration to mark the milestone.

A surprise party on Wednesday was followed by a great dinner at one of the cosiest Japanese restaurants in Geneva, where he announced that we are going to Japan next year (heart, please, be still). The week-end we travelled to Annecy where we ate at the restaurant of Laurent Petit, a French chef awarded  two stars by the frightening Michelin Star Guide, who only cooks with local vegetables, herbs and fish; no meat.

Continue reading “Amelia dreaming: Almond granita and crunchy zucchini flowers”

Autumn longing + roasted tomatoes soup with homemade bread

soup1

The week-ends are made for cooking. At least in this household. It does not matter that in our apartment I feel, at times, like a hard boiled egg placed in a microwave; I shall roast, bake and fry the hell out of this summer anyway.

It’s only July but I am starting to long the chill of September.

Continue reading “Autumn longing + roasted tomatoes soup with homemade bread”

Il sapore dell’umami & Cold udon salad with caramelized tuna

English recipe below

udon1

Ma come si fa a non amare un paese che ha inventato Lupin? Solo il genio di Miyazaki avrebbe potuto mettere insieme personaggi come Ji Ghen, Goemon e Fugiko.

Arsenio Lupin è stato il mio primo amore di bambina. Un amore allampanato come lui, con le sue sigarette storte e le sue sfortune sentimentali. Non so se sia stato il mio prematuro invaghirsi oppure la quantità spropositata di ramen ingurgitati dall’Ispettore Zenigata, ma io del Giappone mi sono innamorata quasi istantaneamente.

Continue reading “Il sapore dell’umami & Cold udon salad with caramelized tuna”

FOMD and octopus alla Luciana

polpomain

If one day I am ever confronted with any sort of apocalyptic scenario and need to pick a small gang to bring to an island, D2 would be definitely on my list. Aside from being one of my best friends, the choice would also have critical survival implications since he’s much taller than the viking and I.

Continue reading “FOMD and octopus alla Luciana”